Vai al contenuto Vai alla barra laterale Passa al piè di pagina

Cosa non mangiare se si soffre di gotta?

La gotta è una patologia che può essere trattata ma non guarita. Può essere controllata e alcuni dei sintomi dolorosi possono essere alleviati con alcune azioni. La gotta è una condizione dolorosa più comune negli uomini che nelle donne. Colpisce nove volte più donne che uomini. Le donne intorno ai vent'anni sono le più esposte al rischio di sviluppare la gotta.

Questa forma dolorosa di artrite si verifica quando nell'organismo è presente una quantità eccessiva di acidi urici. Una quantità eccessiva di acido può causare la formazione di cristalli aghiformi intorno alle articolazioni. L'alluce è un bersaglio comune. Questo acido può essere eliminato dal corpo. I reni sono responsabili dell'eliminazione dell'acido in eccesso dal corpo. Se una persona mangia molte purine, può causare danni ai reni. Questi alimenti sono la causa principale della formazione di acido urico nell'organismo.

Pertanto, se si soffre di gotta, è necessario limitare il consumo di alimenti ricchi di purine nell'ambito della dieta speciale per la gotta.

Alimenti ricchi di purine, da consumare con moderazione.

Soprattutto, fate attenzione alle dimensioni e alla frequenza delle porzioni di proteine animali e pensate di includere le proteine vegetali (edamame, tofu, ceci, lenticchie...).

Ma le purine non si limitano alla carne. Le purine si trovano in molti altri alimenti:

- Alcuni pesci, frutti di mare e crostacei, tra cui acciughe, sardine, aringhe, cozze, merluzzo, capesante, trote, gamberi ed eglefino.
- Alcune carni, come carne rossa, pancetta, tacchino, vitello, cervo, fegato e frattaglie.

Inoltre, le purine si trovano anche negli alimenti ricchi di colesterolo e di grassi. È quindi importante limitare gli alimenti e i pasti ricchi di grassi, soprattutto quelli saturi (fast food, fritti, latticini ricchi, ecc.) perché riducono la capacità di eliminare l'acido urico.

D'altra parte, le fonti vegetali di purine, come i legumi e alcune verdure (come asparagi, cavolfiori, spinaci e funghi), pur essendo ricche di purine, si ritiene che abbiano un effetto protettivo riducendo il livello di acido urico nell'organismo.

Il sovrappeso può anche causare un forte stress ai reni, compromettendo la loro capacità di filtrare l'acido urico. Bevete 6-8 bicchieri d'acqua al giorno per eliminare l'acido in eccesso. L'acqua può risanare il sistema e aiutare a perdere peso. La perdita di peso riduce lo stress dei reni, consentendo loro di funzionare al meglio per eliminare l'acido urico.

 

Lascia un commento