Vai al contenuto Vai alla barra laterale Passa al piè di pagina

Cosa non posso mangiare e bere quando ho la gotta?

La gotta, nome con cui è popolarmente conosciuta l'iperuricemia o eccesso di acido urico nel sangue, è una malattia dolorosa che colpisce molte persone. Nel 90% dei casi, la gotta è una malattia maschile la cui insorgenza inizia generalmente intorno ai trentacinque anni.

La gotta è un'infiammazione articolare scatenata da un accumulo di cristalli di acido urico nell'articolazione. È quindi causata da un eccesso di acido urico nel sangue, che i sistemi di drenaggio dell'organismo non sono più in grado di eliminare.

Tuttavia, un livello troppo elevato di acido urico non è sufficiente a spiegare la gotta. Infatti, si stima che da 5 a 10% della popolazione adulta sia iperuricemica. Tuttavia, solo circa 2% della popolazione adulta soffre di gotta.

L'attacco acuto di gotta è estremamente doloroso. Nelle prime fasi della malattia, questi attacchi sono relativamente distanziati, ma diventano rapidamente sempre più frequenti.

Anche se la gotta può scomparire da sola, può durare anni. Gli attacchi di gotta durano circa una settimana e la maggior parte di coloro che ne soffrono subiscono più attacchi all'anno. Mangiare gli alimenti giusti può aiutare a prevenire la gotta o a evitare forti attacchi.

Anche se la dieta da sola non può causare o trattare la gotta, alcuni alimenti e abitudini di vita possono modificare il rischio di gotta. L'assunzione di farmaci insieme a buone abitudini alimentari può essere il modo migliore per trattare la gotta.

Nell'ambito della dieta speciale per la gotta, è consigliabile evitare o ridurre notevolmente il consumo di alimenti ricchi di purine, perché aumentano i livelli di acido urico. In generale, la carne rossa, il pesce e i frutti di mare sono associati a un aumento del rischio di gotta. È inoltre consigliabile evitare alcolici forti, birra e bibite zuccherate quando si soffre di gotta. Qui maggiori dettagli:

Ecco alcune raccomandazioni da seguire:

1- Limitare il consumo di alcol, soprattutto di birra, a un solo bicchiere al giorno. Durante un attacco di gotta, è meglio evitare qualsiasi consumo di alcolici perché aumentano il livello di acido urico nell'organismo.

2- Limitare il consumo di alimenti ricchi di purine. Soprattutto, fate attenzione alle dimensioni e alla frequenza delle vostre porzioni di proteine animali. Tra gli alimenti molto ricchi di purine, da consumare con moderazione, troviamo: alcuni pesci, frutti di mare e crostacei, tra cui acciughe, sardine, aringhe, cozze, merluzzo, capesante, trota ed eglefino. Alcune carni, come pancetta, tacchino, vitello, cervo e frattaglie.

3. Pensate di includere proteine vegetali (edamame, tofu, ceci, lenticchie...). Infatti, le fonti vegetali di purine come i legumi e alcune verdure (come asparagi, cavolfiori, spinaci e funghi), pur essendo ricche di purine, avrebbero un effetto protettivo perché ridurrebbero il livello di acido urico nell'organismo.

4- Limitare gli alimenti e i pasti ricchi di grassi saturi (fast food, fritti, latticini ricchi...) perché riducono la capacità di eliminare l'acido urico.

5- Mangiate frutta e verdura ricche di vitamina C come peperoni rossi, broccoli, arance, kiwi, mango, fragole. Aiuterebbero a ridurre il livello di acido urico.

6- Consumare alimenti ricchi di omega 3. Questi acidi grassi si trovano in alcuni pesci, come il salmone e il tonno, di cui si raccomanda il consumo di 2 porzioni da 100 g alla settimana. Potete soddisfare il vostro fabbisogno anche consumando quotidianamente semi di lino o di chia macinati e noci.

7- Limitare il consumo di bevande zuccherate, succhi di frutta e alimenti trasformati per ridurre l'assunzione di fruttosio aggiunto.

8- Mantenere una buona idratazione bevendo da 1,5 a 2 litri di acqua al giorno. In questo modo si evita che l'urina sia troppo concentrata.

Quanto è stato utile questo post?

Cliccate su una stella per valutarla!

Valutazione media 4.5 / 5. Conteggio dei voti: 16

Nessun voto per ora! Sii il primo a valutare questo post.

Lascia un commento