Vai al contenuto Vai alla barra laterale Passa al piè di pagina

Quali sono i sintomi della gotta alle mani?

La gotta è una malattia reumatica che si sviluppa in attacchi. Provoca un dolore improvviso e intenso a una o più articolazioni, che spesso si manifesta di notte. Il semplice contatto con le lenzuola può diventare insopportabile, ad esempio. L'articolazione appare rossa e gonfia; il dolore può essere accompagnato da febbre e brividi. L'alluce è il più frequentemente colpito, ma possono essere interessati anche la caviglia, il polso, la mano, il ginocchio o il gomito.

Il chiragra è una forma di gotta che colpisce le articolazioni delle mani e provoca episodi (attacchi) di infiammazione acuta e dolorosa. L'infiammazione è causata dall'eccesso di acido urico che forma piccoli cristalli all'interno e intorno alle articolazioni. L'acido urico aumenta nell'organismo dopo il consumo di alcol e di alcuni alimenti (in particolare frutti di mare, carni rosse o carni di organi come fegato o reni). I principali sintomi della gotta nelle mani sono gonfiore, tenerezza e arrossamento delle articolazioni delle mani. La gotta tende a colpire persone di età superiore ai 30 anni, più spesso uomini che donne.

I sintomi di un attacco di gotta difficilmente passano inosservati. In genere, la persona colpita va a letto sentendosi perfettamente bene, poi si sveglia durante la notte con un dolore intenso all'articolazione interessata. All'inizio si ha la sensazione che un secchio d'acqua fredda sia stato versato sull'articolazione, ma ben presto compare una sensazione di taglio molto dolorosa, oltre a una sensazione di pressione e di tensione. La zona diventa rossa, calda e molto sensibile al tatto e anche la presenza di un lenzuolo può aumentare il dolore. Spesso si verifica una leggera febbre.

L'attacco di solito scompare da solo dopo 3-10 giorni, ma un trattamento tempestivo può accelerare il sollievo. Dopo un attacco di questo tipo, chiamato gotta acuta o artrite gottosa acuta, la maggior parte dei pazienti presenta un altro episodio entro 2 anni. Gli attacchi sembrano diventare più frequenti, persistono per periodi più lunghi e colpiscono più articolazioni nel corso del tempo.

In casi molto rari, gli attacchi non passano e persistono, trasformandosi in gotta cronica. Se l'infiammazione continua, i cristalli possono danneggiare e deformare in modo permanente l'articolazione colpita. Inoltre, i cristalli di acido urico possono accumularsi in tessuti diversi dalle articolazioni, formando depositi chiamati tofi, che appaiono come masse friabili biancastre o giallastre sotto la pelle, in particolare nelle dita delle mani e dei piedi, nella parte posteriore dei gomiti, dietro i talloni e intorno alla parte esterna dell'orecchio. I tofi talvolta sfondano la pelle, causando la formazione di ulcerazioni.

La gotta può causare calcoli renali, che possono provocare sintomi come un forte dolore al fianco o all'inguine e talvolta sangue nelle urine. Non è chiaro in che misura la gotta possa danneggiare i reni, a parte gli effetti dei calcoli renali.

Questi rischi possono essere notevolmente ridotti seguendo uno stile di vita sano e assumendo i farmaci come raccomandato.

Quanto è stato utile questo post?

Cliccate su una stella per valutarla!

Valutazione media 4.5 / 5. Conteggio dei voti: 8

Nessun voto per ora! Sii il primo a valutare questo post.

1 Commento

  • Giacobbe
    Inviato 30. Agosto 2022 a 17:48

    Leggere queste informazioni mi ha fatto capire che questo è il mio problema. Grazie mille per aver fornito informazioni così chiare e precise!

Lascia un commento